VAMPIRI

VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO-VAMPIRO

Sapete che sentimenti prova un vampiro? Sapete cosa piace ad un vampiro? Sapete cosa beve un vampiro? Sapete cosa odia un vampiro? Se siete vittime dell'effetto "Twilight" e non riuscite a disintossicarvi, la soluzione è la visione ripetuta di "Vampiri", unico antidoto in grado di farvi rigurgitare la cena ad ogni incontro con i famigerati canini appuntiti.
Con Daddy Yankee!

VAMPIRI - LOS VAMPIROS - 2004
PORTO RICO - 103 min
REGIA: Eduardo Ortiz
SCRITTO DA: Eduardo Ortiz
CON: Jorge Dieppa (Jonathan), Israel Lugo (Miguel), Eli Cay (Esteban), Wanda Rovira (Gloria), Daddy Yankee (Bimbo)

IN BREVE

Un ragazzo diventa vampiro a causa del morso di una vampira. Il vampiro si mette quindi alla ricerca della vampira cercandola tra i vampiri.

RECENSIONE

Pensavo di averle viste tutte, ma un film portoricano sui vampiri davvero mi mancava. Sarà stata la presenza del "famosissimo" Daddy Yankee (quello dell'orribile canzone che andava qualche anno fa, la "Gasolina"), sarà stata la curiosità, tanto che alla fine me lo sono comprato. Povero me... Dopo la visione di questa insulsa pellicola ho dovuto ridefinire i limiti della parola "noia". 


In un'ora e trenta si fa una gran fatica anche solo a distinguere le semplici immagini che si susseguono sullo schermo: il regista, forse alla ricerca dell'atmosfera oscura da film horror, ricrea un'ambientazione del tipo "buio pesto", portando al minimo ogni fonte luminosa. Il risultato è che non si capisce nulla: non si riescono nemmeno a memorizzare i volti dei protagonisti o i particolari degli sfondi! L'addetto alla fotografia avrebbe dovuto effettuare un corso base del mestiere.
Perlopiù, giusto per aggiungere un tocco di classe, a cadenze più o meno regolari un lampo luminoso fortissimo illumina lo schermo (una scelta registica davvero folle), tanto da perforare le povere pupille proprio nel momento in cui si stavano abituando all'oscurità. Forse l'intento era quello di far provare allo spettatore la sensazione che provano i vampiri all'alba... sta di fatto che ho perso almeno due diottrie a film finito.

 

L'inutile tentativo di abbozzare una simil-trama si traduce in tre ridondanti vocaboli: "vampiro, vampire, vampiri"; ciò a causa dell'alta frequenza (o meglio "abuso") che il copione fa di queste parole. L'''originalissima" storia è quella di un ragazzo che viene vampirizzato e vuole scoprire il perché di tanta sfortuna. Egli, accompagnato da un paio di amici ritardati, si ritrova involontariamente interrogato sul suo stato draculesco: "Com'è essere un vampiro?", "Cosa fanno i vampiri?", "Perché sei un vampiro?", "Quando sei stato vampirizzato?" "Cosa bevono i vampiri?", insomma, si potrebbe definirlo un' "Intervista col vampiro" per deficienti.


Da menzionare la sequela di personaggi estremamente inutili che arricchiscono questo capolavoro: si passa dal vampiro gotico e fricchettone che simpatizza per il protagonista, al capo vampiro alla moda con tanto di giubbotto pellicciato, fino ad arrivare alla tanto agognata banda di vampiri, nascosta in una grotta come sempre poco illuminata.
Sul finale, ecco anche apparire il bizzarro "Padre", chiamato così in quanto (deduco io) capostipite di tutti i vampiri portoricani (una sorta di Dracula tarocco). Il preludio alla fase conclusiva è alquanto indigesto: blah blah blah del suddetto "Padre" sull'amore e sul vampirismo e protagonista che scompare nel nulla, lasciando lo spettatore in una condizione di stupore misto rincoglionimento.


Insomma, un filmaccio noioso da evitare come la peste, capace solo di strizzare l'occhio alla moda vampiresca underground, tanto in voga tra i giovani lobotomizzati. Neppure le situazioni e le ambientazioni al limite del ridicolo o le canzonette orribili che accompagnano la visione, riusciranno a tenere alto il vostro morale, nemmeno nei più temerari. 
Consigliato solo ai vostri pazienti, nel caso siate oculisti.

 

Sick Matt

 

SCENA MEMORABILE

Jonathan viene acchiappato dal vampiro Cristian, che svolazzava da quelle parti. Il ragazzo riesce a liberarsi, ma solo per subire la terribile mossa volante di Raiden di Mortal Kombat!!

HO SCOPERTO CHE...

- I vampiri bevono il sangue.
 - I vampiri hanno spesso turbe psichiche.
 - A qualcuno piacciono le turbe psichiche dei vampiri.
 - I vampiri non si trasformano in lupi o pipistrelli.
 - I vampiri amano suonare canzoni romantiche al pianoforte.
 - I vampiri fanno brutto.
 - Non è necessaria della luce quando si gira un film di vampiri.
 - Daddy Yankee è un rapper.
 - Daddy Yankee è uno famoso.
 - La presenza di Daddy Yankee dovrebbe spingere qualcuno a comprare un film sui vampiri.

CITAZIONI

 

"Ti va di bere?"
"Mi piacciono le cose buone..."
"Vuoi provare il "Sex on the beach?"
"Preferisco farlo, non provarlo..."

"Che mi sta succedendo???"
"Ma ti sei visto? Sembri un vampiro!"

"Una volta che diventi un vampiro... non puoi smettere di esserlo... se non uccidendoti"

"Non mi dire che sei un vampiro nuovo di zecca..."
"Come lo sai?"
"Perchè solo un vampiro che non conosce i suoi poteri, teme l'altezza"

"Cosa fa un vampiro tutta la notte? Esce a caccia e poi va a letto fino alla notte successiva..."

"Cosa abbiamo qui? Un vampiro psicologo?"

"Non sai nulla sul significato di essere un vampiro..."

"Noi vampiri beviamo solo sangue..."

"Miguel... ci stanno guardando, hai visto?"
"Cosa?"
"Ci stanno guardando..."
"Chi?"
"I vampiri..."
"Ma quali vampiri..."
"Da quel lato... non farti vedere... il gruppo di persone che stanno sulle scale"
"Quelli non sono vampiri..."
"Sono vampiri! Sono vestiti di nero e ci tengono d'occhio da un'ora"
"Ma che dici? Allora tutti quelli vestiti di nero sono vampiri?"
"Miguel... quelli succhiano sangue... e io non voglio essere succhiato!"

"Sarai un gran vampiro!!!"

VOTO: 2

violenza immotivata: 1

sesso gratuito: 6

brutti effetti speciali: 6

banalità: 9

umorismo pessimo: 4

errori: 4

illogicità: 4

sonnolenza sviluppata: 9

 

Scrivi commento

Commenti: 0