IL RAGAZZO DAL KIMONO D'ORO 2

NIENTE COLPI MORTALI!

Kim Rossi Stuart dà seguito alle avventure del kimono d'oro, firmando l'ennesima farsa made in Italy ispirata al più famoso "Karate Kid". Il risultato si dimostrerà a più tratti godibile, soprattutto grazie alle pessime arti marziali sfoggiate dai protagonisti.  

IL RAGAZZO DAL KIMONO D'ORO 2 - 1988
ITALIA - 90 min
REGIA: Larry Ludman (Fabrizio de Angelis)
SCRITTO DA: Dardano Sacchetti
CON: Kim Rossi Stuart (Anthony), Amy Lynn Baxter (Patty), Christopher Alan (Luke), Ted Prior (Mark Sanders), Leon Elaulot (Kymamura)

IN BREVE

Un ragazzo esperto di karate viene sfidato dal bullo della scuola ad un incontro all'ultimo sangue.

RECENSIONE

Profetizzando con largo anticipo la sua partecipazione al film "Pinocchio" di Benigni, Kim Rossi Stuart si destreggia in uno dei film più "legnosi" mai realizzati sul karate, ovvero "Il ragazzo dal kimono d'oro 2". Ricordando come consueto che nessuno su questo pianeta avrebbe mai potuto desiderare un sequel dell'insipido primo capitolo, ci addentriamo nella catastrofica sceneggiatura firmata Dardano Sacchetti, già autore di diversi fallimenti cinematografici.
Fin da subito è possibile ravvisare l'enorme difficoltà nel tirare la canonica ora e mezza, tanto vengono protratti all'infinito i dialoghi e le scenette di scolastica fattura, letali per la mente del malcapitato spettatore. Ovviamente l'intento è quello di copiare (e cavalcare la scia del successo) del noto (e già pessimo) Karate Kid, così come almeno altre cento miliardi di pellicole hanno cercato di fare in quegli anni. Il canovaccio ha un effetto deja-vu: il ragazzo buono esperto di karate, il cattivo esperto di karate, l'amico sfigato del ragazzo buono che viene pestato a sangue, il maestro cino-giapponese e la squinzia contesa. Forte perciò dell'automatismo avviato dalla commistione dei suddetti personaggi, nessuno tra regista e sceneggiatore cerca di aggiungere qualcosa di nuovo al collaudato macchinario, che scorre impalpabile come un valium.
Al giro di boa (circa 50 minuti) ecco il primo combattimento, ambientato in uno squallido e scolorito teatro. Al grido di "niente colpi mortali", il buono (appunto il ragazzo dal kimono d'oro) e il cattivo (Dick, il capo dei Tigers, nota gang giovanile) si scontrano in un match al limite della farsa, dove si sprecano colpi di simil karate interpretati da dei paraplegici. La geniale idea del cattivone è quella di munire il luciferino massaggiatore del giovane Anthony di spugna imbevuta di etere, tanto da stordire l'avversario quel poco che basta per avere la meglio su di lui.

 Inutile dire che, proprio quando tutto sembra perso, il bravo e leale Anthony rimembra l'insegnamento del vecchio maestro (che consiste nella segretissima e letale "mossa del drago") e colpendo violentemente la zucca dell'avversario lo fa stramazzare a terra. Memorabile il flashback di Anthony, dove possiamo gustare il maestro intento a piegare un albero di cocco previa frapposizione di un foglio di carta, e conseguente deflagrazione di luce azzurra stordente.

 

Il malvagio è KO, il buono ha vinto e al pubblico non resta che abbandonare la sala... FERMI! eheheh La tortura è appena cominciata! Dick, ripresosi dal coma, decide di assoldare uno scagnozzo avanzo di galera, campione e cintura nera di karate nonché padre fondatore dei Tigers! Per la modica cifra di cinquemila dollari pagabili a rate, il brutto ceffo si impegna a ridurre Anthony allo spessore di un LP. Il ragazzo dal kimono d'oro ha dalla sua un'unica carta da giocare: contattare il saggio maestro Kymamura, per carpire le ultime e letali tecniche in grado di completare il suo granitico allenamento. Il maestro, dopo poco tempo, appare come per magia al fianco del ragazzo, realizzando che mancano appena cinque giorni al combattimento finale. Poco importa: a bordo di un'acquaplano allena sinteticamente il giovane ragazzo, tenendo così fede all'antica tradizione trash, che vuole il protagonista in grado perfino di fermare i colpi dell'insegnante dopo soli pochi allenamenti.
Il gran giorno arriva presto e la battaglia ha inizio. Le mosse di pessimo karate si sprecano e, dopo alcuni minuti di inutile colluttazione, Anthony vince di nuovo, proprio quando tutto sembrava volgere al peggio (scusate se vi ho svelato l'inatteso colpo di scena!). Arriva per attori e addetti ai lavori il momento di levare le tende dell'assurdo teatrino imbastito alla bene e meglio e di smontare le orrende scenografie. Per Kim Rossi Stuart la scomoda avventura nei panni del ragazzo dal kimono d'oro è finita definitivamente, ma non temete: la saga è riuscita ad arrivare sino al numero 6!

 

Sick Matt

 

SCENA MEMORABILE

Guardate il temerario Anthony, che si allena in equilibrio sull'acquaplano sotto gli occhi severi del maestro. Vicino a lui un temibilissimo coccodrillo impagliato! Questo ragazzo è davvero coraggioso!

HO SCOPERTO CHE...

- Kim Rossi Stuart non conosce il karate.
 - Si può affinare la tecnica del karate in quattro giorni.
 - Durante le gare di karate viene assegnato un massaggiatore sconosciuto.
 - Le colpe dei padri non devono ricadere sui figli.
 - La notte è fatta per dormire, non per chiacchierare
 - Ogni uomo ha dentro di sé forze immense.
 - Chi non ha più anima è come un aquila senza ali.

CITAZIONI

 

"Una città piccola senza problemi... tranne uno forse..."
"E quale?"
"I TIGERS!"


"Solo due tipi di persone vengono da Miami: tonti e vigliacchi...."

"Sai, io sono nato e cresciuto qui... qui ho le mie radici... ho avuto le prime amicizie, le prime avventure con le ragazze... ma c'è una cosa che non mi piace di questa città..."
"Cioè?"
"Che è la mia città..."
"E perchè non te ne vai?"
"Non posso farlo... ma mi piacerebbe moltissimo"
"E che cosa te lo impedisce?"
"Semplicemente il fatto che potrei andarmene quando voglio... capisci? Non mi trattiene nessuno... che gusto c'è ad andarsene via da un posto se nessuno vuole che resti?"


"Niente colpi mortali!"

"Io conosco qualche piccolo colpo di karate che gli altri non conoscono..."

"Notte fatta per dormire... non per chiacchierare!"

"Letto essere troppo comodo e morbido... meglio dormire in terra."


"Ogni uomo ha dentro di se forze immense... segreto è prenderne coscienza"

"Chi non ha più anima è come aquila senza ali."

"Puoi colpire avversario con forza dei tuoi muscoli, ma anche con forza di tua energia interiore"

"Rabbia chiude occhi di mente"

VOTO: 8

violenza immotivata: 8

sesso gratuito: 3

brutti effetti speciali: 6

banalità: 9

umorismo pessimo: 1

errori: 1

illogicità: 1

sonnolenza sviluppata: 4

 

 

Scrivi commento

Commenti: 18
  • #1

    Kekkomereq (mercoledì, 10 settembre 2014 16:32)

    Prima di dar prova che sapeva recitare, provò che non sapeva recitare.

  • #2

    wróżka (lunedì, 28 novembre 2016 12:58)

    Mazdą

  • #3

    wróżki (lunedì, 28 novembre 2016 17:23)

    niealegowanie

  • #4

    clairvoyants (martedì, 29 novembre 2016 01:38)

    skewer

  • #5

    psychic phone readings (martedì, 29 novembre 2016 02:28)

    gown

  • #6

    sextelefon (martedì, 29 novembre 2016 11:48)

    raj

  • #7

    Źródło (martedì, 29 novembre 2016 12:35)

    opierdalając

  • #8

    seks telefon (martedì, 29 novembre 2016 21:22)

    nieinsynuowanie

  • #9

    uroki miłosne (martedì, 13 dicembre 2016 22:33)

    gesticulate

  • #10

    rytuał miłosny (mercoledì, 14 dicembre 2016 00:08)

    outhouse

  • #11

    tarot reading (giovedì, 29 dicembre 2016 17:27)

    jonathan

  • #12

    dziewczyny na seks (mercoledì, 30 agosto 2017 18:47)

    pozastanawiawszy

  • #13

    anonse towarzyskie (venerdì, 08 settembre 2017 20:12)

    Szumilak

  • #14

    źródła (sabato, 09 settembre 2017 11:16)

    samoobsługując

  • #15

    sprawdź ofertę (mercoledì, 13 settembre 2017 12:36)

    puklerzyk

  • #16

    przejdź dalej (giovedì, 14 settembre 2017 19:03)

    odumrzyjmyż

  • #17

    sex telefon (lunedì, 02 ottobre 2017 11:10)

    akceptując

  • #18

    seks telefon (venerdì, 20 ottobre 2017 15:38)

    formułkowy