THE CORE

DEEPCORE 2000 REVISED!

Uno sconvolgente dispendio di denaro, la due volte premio Oscar Hillary Swank, effetti speciali di ultima generazione che fanno esplodere il Colosseo ed un brutto film catastrofico da cui copiare la trama. Le premesse erano ottime, ma il disastro paventato non si è verificato sulla pellicola, bensì al box-office!
Probabilmente sarebbe stato meno difficile sintetizzare l'unobtanio alle scuole serali...

THE CORE - 2003
USA - 134 min
SCRITTO DA: John Lindey
REGIA: Jon Amiel
CON: Hilary Swank (Beck), Aron Eckhart (Josh), Delroy Lindo (Braz), Stanley Tucci (Zimsky)

IN BREVE

Siccome il nucleo della terra ha smesso di ruotare, un manipolo di "terranauti" deve penetrare al centro del pianeta per riattivarlo con ordigni nucleari.

RECENSIONE

Ho un folle dubbio che mi tormenta, e mi toglie il sonno: era proprio necessario realizzare un film di 134 minuti su un gruppo di persone che deve andare al centro della terra perché il nucleo si è fermato? La risposta ovviamente è no, ma dato che il film esiste, ed è giunto tra le mie mani, non potevo esimermi dal sorbirmi queste due ore e un quarto di inutili blablabla geofisici e bruttissimi effetti speciali. 


Aggravante a tutto questo, una pellicola su questo soggetto esisteva già, con il nome di Deep Core, e presenta uno svolgimento-fotocopia, identico perfino in alcuni dettagli, ad eccezione del cast e del budget a disposizione...

 

Ad una sofisticata analisi, tutto l'impianto è talmente ridicolo da rendere quasi incredibile che qualcuno abbia solo potuto pensarlo.
Partiamo dalla premessa: uno scienziato pazzerello ha progettato una specie di "raggio della morte elettromagnetica" che ha fermato il nucleo della terra.
Questo causa al pianeta tutta una serie di scompensi, tipo
- uccelli e  balene disorientati,
- shuttle che devono atterrare sui fiumi
- qualcosa a che vedere con delle microonde invisibili.
Come si può bene immaginare, la terra è destinata alla completa distruzione.
Fortunatamente con il modesto impiego di mille megatoni di energia è possibile garantirgli quella spintarella sufficiente a farlo ripartire.

Mancherebbero almeno
a) un dispositivo per navigare sottoterra
b) un raggio in grado di sciogliere la roccia 
c) un materiale in grado di resistere alle temperature e pressioni presenti al centro della terra, che si potrebbe chiamare UNOBTANIO

per assemblare una navetta di unobtanio per inoltrarsi nelle profondità terrestri sciogliendo le rocce.

Ma cosa dico, queste cose esistono già!
  

E fino a qui vi siete sorbiti un'intera ora di chiacchiere prive di senso e di "simpatici aneddoti" per presentare tutti i personaggi della missione. Se siete arrivati svegli a questo punto, e non sentito l'impulso di gettare il DVD nel camino, allora dovrete sopravvivere anche alla discesa fino nelle profondità terrestri.


Ovviamente questa discesa non è scevra da imprevisti che metteranno a repentaglio la riuscita dell'operazione e l'integrità dei suoi protagonisti: la demenza delle premesse teoriche,  va amplificandosi lungo lo svolgimento del film causando il lento degenerare dei neuroni degli spettatori e degli attori che, uno ad uno, praticamente si suicidano facendosi arrostire dal magma delle profondità. 

Il climax di tensione si raggiunge quando gli ultimi due sopravvissuti devono dar fondo alle loro riserve di plutonio per compiere la propria missione, rimanendo però bloccati sul fondo dell'oceano e senza possibilità di comunicare con l'esterno.


Purtroppo coloro che hanno resistito ben due ore nella visione del film, non avranno l'onore di assistere al decesso dei superstiti, perché in loro aiuto arriveranno...indovinate un po'... LE BALENE, che per qualche ragione a noi ignota, ma che coinvolge gli ultrasuoni, hanno scambiato la navetta per materiale da accoppiamento, attirando l'attenzione delle squadre di soccorso. 

L'epopea Virgiliana si conclude così lasciando gli spettatori sbalorditi per l'orda di nozioni antiscientifiche propinate lungo il corso del film e per la bruttezza degli effetti speciali.

 

La pellicola si rivela in realtà un pretesto per fare del catastrofismo da quattro soldi: il colosseo e tutta Roma sfasciata dai fulmini, la West Coast americana distrutta dal terremoto (ponti che crollano, strade che divorano auto), perfino gli Hitckockiani piccioni impazziti a Trafalgar Square ed Hillary Swank che parcheggia lo shuttle su un fiume . 


La pellicola è in grado di fomentare la rabbia di chi guarda, che, costretto a subirsi dialoghi impostati su scienze livello scuole medie (il momento è r x F) alternati a sproloqui senza senso, viene anche subissato di similitudini: la terra è come una pesca, le bombe sono come sassolini nello stagno, il nucleo è come il motore di una macchina, il sistema di navigazione è come la TAC, e gli ultrasuoni distruggono le rocce come i calcoli renali su discovery channel...

 

La conclusione è che, nel caso di catastrofe planetaria, se gli scienziati veri dovessero ragionare così, ci conviene decisamente rassegnarci ad una morte spettacolare, che d'altronde è sempre meglio che rivedere per due volte The Core.
Il film, talmente ingenuo da ricordare un fumetto di fantascienza anni '50 è caldamente sconsigliato, sia per la lunghezza che per la soporiferosità, ma se siete catastrofisti e temete per la sorte del nostro pianeta, vi conviene documentarvi.

 

Erin Warner

SCENA MEMORABILE

La scena memorabile è sicuramente l'esplorazione del geode al centro della terra, dove i nostri eroi escono dalla navetta per compiere delle operazioni a 1cm dal magma che sta riempiendo la cavità rocciosa.... Decisamente VINTAGE!

HO SCOPERTO CHE...

- Esistono microonde visibili (se esistono quelle invisibili...)
 - Le facilities segrete del governo americano si possono trovare con google earth
 - L'intero è maggiore della somma delle parti
 - Puoi sopravvivere in un geode invaso di magma al centro della terra, basta che  la roccia fusa non ti tocchi
 - Quando non sai come far finire un film, le balene offrono sempre una buona soluzione
 - Si può comunicare via radio con la superficie quasi fino al centro della terra!
 - Per fare un film basato su concetti di fisica e geologia, non è necessario consultare fisici o geologi
 - Se si vede un brutto film low budget come DeepCore2000, è una buona idea copiarlo e farne una versione più costosa!
 - Il nucleo terrestre è come un motore (lo dice anche DeepCore2000)

CITAZIONI

 

"Un trilione di trilioni di metallo bollente che girano a mille miglia all'ora"

"La radiazione delle microonde finirà letteralmente per cuocere la terra"

"Permette questo è il sole....questa è la terra"
"SPPRRRR" (Suono di una bomboletta spray ed un accendino che bruciano una mela)
"Oh  mio DIO!"

"Anche escogitando un piano geniale per riattivare il nucleo, non potremmo mai raggiungerlo"
"Sì.....................................................MA.................................................SE POTESSIMO?"

"Io combino i cristalli in una matrice di tungsteno e titanio a temperature superfredde... il trucco è tutto qui"
"Quali sarebbero le applicazioni"
"Come lo chiama questo materiale?"
"Il suo vero nome ha trentasette sillabe, io lo chiamo UNOBTANIO"
"L'unobtanio prende il calore e la pressione e li trasforma in energia, che a sua volta rinforza il guscio della nave"

"Dovrei hackerare il pianeta?....Questo vuol farmi hackerare il pianeta"
"Allora mi servono una scorta illimitata di cassette di Xena e di fagottini"

"OK ricominciamo, i moduli della velocità dipendono dalla densità il  momento angolare è r x F"
"Il  momento angolare è r x F...ci mettiamo il pigreco, quanto vale la w?"

VOTO: 4

violenza immotivata: 7

sesso gratuito: 3

brutti effetti speciali: 3

banalità: 9

umorismo pessimo: 1

errori: 9

illogicità: 6

sonnolenza sviluppata: 6

 

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    IO (sabato, 15 settembre 2012 12:14)

    me lo ricordo l'avevo visto tempo fa...delle balene nn mi ricordavo devo essermi addormentato prima CHE CAGATA