ABOMINABLE

DO YOU BELIEVE IN BIGFOOT?

In questo insipido teen-horror, condito da tutti gli stereotipi del genere, uno yeti-pupazzo minaccia una combriccola di amiche da pigiama party e un uomo in sedia a rotelle. Neppure Jeffrey Combs e Lance Henriksen riusciranno a salvare la baracca!
Se fino a ieri pensavate che le storie sul Bigfoot fossero tutte fandonie... questo film non vi farà di certo cambiare idea!

ABOMINABLE - 2006
USA - 94 min
REGIA: Ryan Schifrin
SCRITTO DA: James Morrison, Ryan Schifrin
CON: Matt McCoy (Preston Rogers), Haley Joel (Amanda), Christien Tinsley (Otis), Karin Anna Cheung (CJ), Jeffrey Combs (Clerk), Natalie Compagno (Michelle), Michael Dick (Monster), Lance Henriksenn (Ziegler), Tiffany Shepis (Tracy)

IN BREVE

Un uomo in carrozzella spia dalla finestra gli omicidi di un Sasquatch psicopatico. Con l'ausilio di un clacson riuscirà a fermarlo.

RECENSIONE

L'abominevole film oggi recensito è, appunto, "Abominable". Trattasi delle disavventure vissute da un gruppetto di persone loro malgrado asserragliate in un cottage nei boschi, tutto a causa di un Sasquatch piuttosto incazzato.

Tra gli sfortunati, un uomo rimasto sulla sedia a rotelle in seguito ad un incidente di montagna, nel quale perse la vita la moglie.
Sta di fatto che dopo alcuni anni passati in città, per motivi a noi sconosciuti, egli decide di tornare nella sua vecchia casa nei boschi, dotata, tra l'altro, di un bella e scomoda rampa di venti scalini. A causa degli evidenti problemi logistici, gli fa compagnia uno scocciato infermiere statale, che, forse per via del misero stipendio, lo odia profondamente.

 

Sfruttando la disabilità del protagonista, il regista decide di immedesimarsi in Alfred Hitchcok (che nel frattempo si rivolta nella tomba) e tenta di ricopiare la trama de "La finestra sul cortile". Peccato che l'assassino non sia un essere umano, ma uno Yeti! O meglio un tizio con un costume da scimmione, che dovrebbe simulare la figura di uno Yeti. Il mostro infatti è più finto delle tette di Pamela Anderson: si muove come un beone, è realizzato orribilmente ed in più gesticola in maniera ridicola. La sua credibilità mette davvero alla prova anche lo spettatore più assonnato! Anche le sue impronte (che riprendono i famosi falsi del presunto Bigfoot sulla neve) sono realizzate in maniera pessima, paragonabili alle orme di una scimmia che ha camminato nella nutella!

Ogni apparizione del mostrone è inoltre accompagnata da un'orrenda "Sasquatch Vision" (ovvero il punto di vista del Bigfoot), alquanto fastidiosa in quanto tendente all'arancione sfocato ed in grado di provocare immediata irritazione nello spettatore.

 

A far le spese delle scorribande del mostro, anche un trio di teen-agers decerebrate (tra l'altro anche pessime attrici), che come in ogni trash che si rispetti, si presentano disponibili nel farsi sodomizzare e squartare senza motivo alcuno.
Prende presto vita la solita, infinita sequenza di situazioni ultra scontate, atte a riprendere lo scimmiotto che sbuca da ogni anfratto disponibile per cogliere alle spalle le donzelle e spedirle una ad una al creatore. Il tutto furbescamente intervallato qui e là da qualche tetta e culo gratis, giusto per tenere alta l'attenzione, altrimenti latitante.

 

Il caotico pandemonio volge, dopo ben un'ora e trenta, al tanto agognato epilogo: dopo che tutti i telefoni fissi hanno smesso di funzionare (lo yeti ha divelto i tralicci), dopo che i cellulari hanno smesso di ricevere e tutti si ritrovano in balia del mostro senza poter chiamare la polizia, il protagonista ha un'idea al limite dell'assurdo: suonare forsennatamente il clacson del suo furgoncino, riuscendo, tra lo stupore generale, a stordire il Sasquatch, sensibile alle onde sonore ad alta intensità (!). D'altro canto chiunque di noi abbia passato una mattinata in coda per recarsi al lavoro, sa bene quanto possa essere fastidioso lo strombazzare senza motivo!

Il pericolo sembra scampato, ma Il finalone deve ancora arrivare: ecco apparire tra la vegetazione CENTINAIA DI YETI (con dei faretti al posto degli occhi), che osservano minacciosi i superstiti... Un possibile sequel? Forse sì, in caso il produttore voglia trasferirsi a vivere sotto un ponte.

 

Sick Matt

SCENA MEMORABILE

Il Sasquatch che appare all'improvviso alla finestra è sicuramente il momento migliore di tutto il film. La risata può far sbalzare dalla sedia!

HO SCOPERTO CHE...

-  Il Sasquatch esiste.
 - Il Sasquatch è sensibile al rumore dei clacson.
 - Esistono diverse specie di Sasquatch.
 - Il Sasquatch e l'Abominevole Uomo delle Nevi sono la stessa cosa.
 - Il Sasquatch e l'Abominevole Uomo delle Nevi non sono la stessa cosa.
 - L'Abominevole Uomo delle Nevi è violento e spietato.
 - Anche il Sasquatch a volte è violento e spietato.
 - Il Saquatch attacca l'uomo solo se teme per la vita dei suoi piccoli.
 - Nei boschi c'è sempre una pessima ricezione per i cellulari.

CITAZIONI

 

"Cittadini locali terrorizzati da un misterioso animale. Si tratta del Bigfoot locale?"

"Se il tuo matrimonio sarà tutto pizzi e merletti e ci sarà il bianco ovunque anche tu dovrai vestire di bianco!"
"Cosa c'è che non va nel bianco?"
"Credi che le manchi il coraggio? Perchè tu non eri alla scuola elementare insieme a noi e quindi non sai...Vogliamo fare l'elenco di quelli che hai avuto tu? Peter, John, Carl..."
"Dimentichi Bobby e Josh dentro gli armadietti!"

 

 "Possibile che tu non l'abbia sentito? Era simile ad un forte rimbombo...come... come qualcosa che cadeva... forse un grosso albero..."

"Una scossa di terremoto?"
"No, non c'entra niente... simile ad un forte boato.. come... UN BOATO!"


"Al Dipartimento di polizia di Flatwood.
Il mio nome è Preston Rogers
Vivo al 10953 Half Circle Drive
Ho ragione di credere che una mia vicina sia stata rapita da una strana... creatura."

"Un'antica leggenda indiana raccontava di un uomo che viveva in questi boschi. A mio nonno capitò di vederlo una volta. Sembra che esca fuori dalla tana durante la notte. E adesso vi domando: sicuri di volerlo scovare? Ci sono alcune cose che è meglio non trovarle mai, datemi retta!"

"La bestia di cui stiamo parlando oggi è stata avvistata sedici volte nell'ultimo anno, nei pressi di Flatwoods"
"Crede che sia possibile che un orso possa avvicinarsi così tanto ad un luogo civilizzato solo per cercare del cibo?"
"Non credo che si tratti di un orso, normalmente loro non si allontanano troppo dalla loro tana... e anche nel caso in cui vagando si avvicinassero ad un area popolata in cerca di cibo, se ne andrebbero subito..."
"Lei pensa quindi che queste orme appartengano ad una specie di Bigfoot tipo quelli che ospitiamo nei nostri boschi..."
"Ah ah.. Bigfoot? No niente di tutto questo... è molto, molto di più... è più pericoloso... qualcosa di simile all'abominevole uomo delle nevi dell'Himalaya... violento e molto spietato!"

 

"L'hai visto?"

"Certo, è una bella, gigantesca pagnotta con le gambe"

"I mostri mi fanno davvero ridere"

"Potete chiamare la polizia?"
"La linea telefonica è interrotta!"
"Allora provate con il cellulare!"
"Non è possibile, la ricezione è pessima"

"Siamo più intelligenti di quell'essere... e apprezziamo la vita"

"Avevi detto che non era intelligente..."
"Supponevo fosse così, non credevo esistesse una creatura simile..."
..

VOTO: 6

violenza immotivata: 8

sesso gratuito: 5

brutti effetti speciali: 8

banalità: 5

umorismo pessimo: 1

errori: 3

illogicità: 1

sonnolenza sviluppata: 7

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    andrea (mercoledì, 19 settembre 2012 23:31)

    Tutta la parte ho scoperto che mi ha fatto morire dal ridere. Il film l'hanno dato non da molto su rai movie ma x ridere altro che horror